Dietro il mancato rispetto delle regole della raccolta differenziata dei rifiuti non sempre c’è la malafede, a
volte, infatti, basta un semplice sbaglio, una mancanza di attenzione per procurarci qualche guaio
amministrativo, come una bella multa…

Sappiate che un semplice errore o una svista può costare dai 25 e i 620 euro di sanzione, secondo la gravità
della violazione. La multa va dai 25 ai 155 euro per chi utilizza i contenitori per depositare materiali diversi
da quelli indicati dal gestore della raccolta e per chi getta i sacchetti della spazzatura in orari diversi da
quelli indicati dal Comune. La multa va dai 100 ai 620 per chi non deposita il cartone così come previsto da
chi gestisce la raccolta. Gli scatoli di cartone vanno aperti, piegati e legati.

Poi chiaramente c’è anche chi agisce in malafede, pensando di fare il furbo… ad esempio rovistando nella
spazzatura degli altri, spostando i cassonetti, lasciando i sacchetti all’esterno dei contenitori o depositando
rifiuti combusti, rifiuti pericolosi o ingombranti nei pressi dei bidoni diversi rispetto a quelli indicati dal
comune. Anche in questi casi sono previste sanzioni salate.

Ma cosa succede se uno o più condomini non eseguono correttamente la differenziazione dei rifiuti? In
sostanza, tutti pagano per lo sbaglio di uno solo, sebbene l’ente condominio non sia tenuto a vigilare su
quello che i singoli condomini ripongono all’interno dei bidoni per la raccolta differenziata.

L’amministratore, quindi, è tenuto a dividere l’importo della sanzione tra tutti i condomini sulla base dei
millesimi di proprietà. Nel caso invece che venga identificato il trasgressore, l’amministratore anziché
frazionare la somma della multa tra tutti i condomini, la farà pagare al singolo condomino colpevole.

Se si commette un errore nel fare la raccolta differenziata e si prende un multa si può presentare ricorso. La
multa, infatti, è valida solo se l’autorità riesce ad accertare e individuare chi ha commesso l’illecito senza
margini di dubbi. In caso di un sacchetto della spazzatura, dunque, è davvero difficile dimostrare il reato.

Articoli correlati

Sito web per i condomini: opportunità o spesa inutile? Con la riforma entrata in vigore il 18 giugno 2013, gli amministratori di condominio a Milano devono provvedere all’attivazione di un sito internet co...
Supercondominio, i diritti sulle parti comuni Cos’è il supercondominio Il supercondominio, chiamato talvolta anche complesso o condominio orizzontale, è un insieme di edifici, generalmente autono...
Condomini morosi, le nuove regole Può capitare che in un condominio ci sia qualcuno che non paghi più le spese condominiali, anche a causa della profonda crisi economica e questo pone ...
Obbligo valvole termostatiche, la scadenza slitta ad ap... L’obbligo di installazione delle valvole termostatiche e dei contabilizzatori di calore, inizialmente fissato al 31 dicembre 2016, potrebbe slittare a...