Il portone del condominio

Uno dei componenti oggigiorno necessari e indefettibili di un condominio è il portone condominiale.

Questo elemento infatti espleta diverse importanti funzioni per uno stabile.

Rappresenta in primis un completamento e un tratto identificativo della facciata dello stabile. Spesso inoltre, soprattutto nei palazzi d’epoca definisce un’impronta estetica peculiare attraverso la presenza di elementi decorativi integrandosi nella medesima non solo come elemento funzionale ma anche decorativo.

In secondo luogo poi, il portone rappresenta l’ingresso principale del condominio (che può essere, in alcuni casi oltre che pedonale, anche carrabile nei casi in cui sia presente una corte interna adibita a parcheggio).

In questa seconda accezione questa componente costituisce anche un elemento di sicurezza abitativa degli inquilini, rappresentando un confine di proprietà privata a cui non è concesso il libero passaggio a chiunque.

Le spese di manutenzione per il portone condominiale

Data la sua importanza è necessario che un portone di condominio sia sempre manutenuto a dovere.

Trattandosi di una parte comune dello stabile è importante definire chi è tenuto a pagare le spese per la sua manutenzione e come tali spese vengano ripartite.

Per questo vanno analizzate le diverse casistiche in cui ci si può imbattere.

condominio spese portone

Spese dell’ingresso condominiale unico

Quando in uno stabile è presente una sola entrata e dunque un solo portone di accesso, allora le spese da sostenere per la manutenzione saranno a carico di tutti i condòmini.

Come per tutte le parti comuni, anche in questo caso ogni inquilino parteciperà in proporzione al valore della sua proprietà, solitamente espressa in millesimi.

Per cui, qualora la porta d’accesso dovesse avere dei malfunzionamenti e richiedere l’intervento di una ditta per aggiustarla o sostituirla, tutti sono tenuti a partecipare alla spesa senza possibilità di esenzioni, dato che tutti usufruiscono dell’unico portone presente nello stabile.

Tale dovere va inoltre esteso anche a quella parte che introduce i condomini all’interno dell’edificio, ovvero l’androne.

Spese nel caso di accessi separati

Una seconda casistica può riguardare invece la presenza di più ingressi in un condominio.

Nel caso specifico, bisogna però distinguere due possibilità.

Una prima situazione potrebbe riguardare la presenza di più portoni (ad esempio uno frontale e uno sul retro) che consentono l’accesso ad un unico fabbricato.

In questo caso, le spese andranno ripartite sempre tra tutti i condomini, poiché ognuno sarà libero di servirsi dell’accesso che ritiene più comodo in base alle proprie esigenze.

La questione cambia se invece, i portoni permettono l’ingresso in scale separate tra loro.

Allora, si parla di condominio parziale composto da più verticali. E dunque ogni inquilino sarà tenuto a sostenere le spese di manutenzione relative al portone della propria scala di appartamento.

In sostanza i costi sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità.

portone condominio spese manutenzione

Portone condominiale: chi non paga le spese

Finora abbiamo visto come andavano ripartite le spese per la manutenzione del portone, ma in un condominio non è detto che tutti siano tenuti a tale contributo.

Infatti, vi sono casi particolari, di soggetti che non usufruendo di tale servizio non sono tenuti a partecipare alle spese.

Stiamo parlando ad esempio di soggetti che hanno proprietà all’interno dello stabile, per il cui utilizzo non è necessario accedere al condominio stesso.

Un esempio potrebbe essere quello di proprietari di box auto o di cantine, che hanno accessi esterni, per cui il proprietario non dovrà mai entrare all’interno del palazzo.

Tali soggetti dunque non vanno conteggiati tra coloro che devono sostenere le spese di manutenzione.

Caso di pagamento da parte di un singolo condomino

Un’ultima casistica infine riguarda la situazione in cui il portone è stato danneggiato da un singolo inquilino.

Se ad esempio un condomino ha volontariamente o involontariamente rotto la serratura del portone, allora la spesa da sostenere non dovrà riguardare tutti i condomini.

Bensì, sarà il singolo condomino che ha causato il danno a doversi far carico dei costi di manutenzione e riparazione del portone condominiale.